In primo piano

Cazzoeula: torna in gennaio la rassegna di successo. Ristoratori iscrivetevi entro il 10 dicembre!

Sarà ancora una festa poter assaporare dal vivo una gustosa “cazzoeula”. Sì, perché l’anno scorso, con i ristoranti chiusi per pandemia, la rassegna era stata organizzata d’asporto. GastroTicino, con Ticino a Tavola e il sostegno del Cazzoeula Club Ticino presieduto da Riccardo Calastri e di Ticino a Te (rete agroalimentare ticinese creata dal Centro di Competenze Agroalimentari Ticino CCAT), invitano quindi i ristoratori a iscriversi via e-mail entro il 10 dicembre alla “Settimana ticinese della Cazzoeula nei giorni della merla” che terrà banco da mercoledì 26 gennaio a domenica 6 febbraio 2022. Oltre alla cazzoeula, è possibile cucinare anche trippa e busecca. L’anno scorso oltre 2’070 le porzioni vendute!
Per iscriversi è sufficiente compilare il modulo che trovate cliccando qui.

“Ticino a Tavola” è l’iniziativa attraverso la quale GastroTicino promuove i ristoranti che utilizzano i prodotti ticinesi; un’iniziativa alla quale partecipa un centinaio di 100 ristoranti (ticinoatavola.ch). Il “Cazzoeula Club Ticino”, è un’associazione a scopo ricreativo dedita al benessere e alla cultura eno-gastronomica dei suoi aderenti, presieduta da Riccardo Calastri. 

La “cazzoeula” (ma anche cassöla, cassoeula, casoeula, cassouela, casoela, cassuola e cazzuola, derivanti dalla casseruola) è un piatto tipico lombardo che nasce all’inizio del XX secolo, anche se sono conosciute varianti più antiche e incerte. Certo, invece, è che si tratta di un piatto invernale legato alla fine del periodo di macellazione dei maiali, che coincideva con il 17 gennaio, giorno di Sant’Antonio Abate. Gli ingredienti classici (ma esistono innumerevoli ricette) sono piedini, costine, cotenne, testa, i salamini detti “verzini”, e naturalmente tanta verza, quella che ha subito la prima gelata invernale, diventando così più tenera. 

Per questa specialità si usano moltissimi nomi: cazzoeula, cassöla, cassoeula, casoeula, cassouela, casoela, cassuola e cazzuola. Ticino a Tavola ha scelto una delle forme dialettali lombarde. Questo in omaggio al “Cazzoeula Club Ticino” su idea, aiuto e spunto del quale è stata creata la rassegna; club che si ispira alla tradizione brianzola anche seguendo la ricetta che è stata scritta da Luigi Veronelli e Gianni Brera. E quindi “cazzoeula”. E proprio la ricetta, oltre all’elenco dei ristoranti, si potrà trovare sul sito ticinoatavola.ch. 

> Scarica la ricetta della Cazzoeula